CANTO DELLA TERRA

finalista al FRINGE SUSTAINABLE PRACTICE AWARD 2014

8 OTTOBRE h 19.00

CASCINA QUADRILATERO – Torino

song per sito

testo e regia Carola Benedetto

con Susanna Paisio / Suzi Fat

Canto della terra, lo spettacolo scartato dal Torino Fringe Festival e scelto dall’Istituto Italiano di Cultura per l’Edimburgo Fringe Festival 2014, arriva finalmente anche in città voluto da Coldiretti Torino. L’occasione è la presentazione del progetto Agricoltura Bside e la location è di quelle che più perfette non si può: quale posto migliore, infatti, dell’orto urbano Cascina Quadrilatero per uno spettacolo che dice <<siate ribelli, fate giardini>>?

<<… Susanna Paisio: un’artista coinvolgente ed intensa, capace di tenere in pugno il pubblico senza sforzo […] incarna le stravaganze del pianeta in cui viviamo come anche il nostro rapporto con il suo fragile equilibrio per mantenere il quale lottiamo ogni giorno. … >>                                                       Fiona Orr – Musical and Theatre review

Una donna in fuga da una modernità schiacciante e convulsa, si perde e si ritrova in un giardino, segreto rifugio degli dèi. In un libero flusso di pensieri, anche musicali, la protagonista si domanda se i parchi, i giardini ma anche gli orti e perfino i vasi dei nostri balconi, non possano diventare l’atto di ribellione per riprenderci l’armonia con il nostro spirito e il Creato. Attraverso il pensiero di alcuni viaggiatori extra-ordinari, la protagonista guida il pubblico lungo sentieri meravigliosi e “green”: sono le strade tracciate da Ildegarda di Bingen, Raimon Panikkar, Vita Sackville West e Pierre Rabhi, mescolate alle canzoni pop-rock di Patti Smith, Alice, e a quelle appositamente composte da Susanna Paisio/Suzi Fat e da lei stessa arrangiate per voce distorta, chitarra elettrica e synth. In 40 minuti di trance questo elettro-folk-musical ci conduce con le sue ipnotiche atmosfere nelle profondità della terra e verso dimensioni metafisiche.

<< Ascoltandolo ho pensato che fosse profondo ed emozionante, piacevole ed etereo allo stesso tempo. Il tipo di suoni adatti ai pomeriggi d’estate in contrasto con la luce. >>                                                                   Iain, del Plugged In Switched On (Londra, UK)

cd song

LE ORIGINI

Il lavoro è nato nel 2013 per il giardino della Biblioteca Arpino di Nichelino (TO), dove è andato in scena fra le due piante da frutto interrate da Pierre Rabhi. Lo spettacolo, che era stato scartato dal Torino Fringe Festival, è stato invece scelto dall’Istituto Italiano di Cultura per l’Edimburgo Fringe Festival 2014, ed è stato protagonista di una piccola tournée londinese nel febbraio 2014.

<< Mi commuove profondamente. È geniale. >>

                                Elena Comollo, Cooperativa agricola e sociale Agricoopecetto